Temperature elevate nei cantieri edili: come prevenire i rischi

[av_image src=’https://www.betaimprese.com/wp-content/uploads/2018/07/temperature-elevate.jpg’ attachment=’9737′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=” link=” target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’ admin_preview_bg=”][/av_image]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” admin_preview_bg=”]

Temperature elevate nei cantieri edili: come prevenire i rischi

Lavorare in un cantiere edile o stradale espone il lavoratore a temperature ambientali elevate, aumentando le probabilità di sviluppare disturbi associati al caldo, in particolare se viene svolta una attività fisica intensa all’aperto come in questi casi.

Essere a conoscenza delle possibili misure da adottare per prevenire gli effetti negativi dell’esposizione al caldo e riconoscere i segni e i sintomi dello stress termico e del colpo di calore, è fondamentale per i gruppi professionali a rischio.

Il Comitato Regionale di Coordinamento ex art. 7, D.Lgs. n. 81/2008 – Regione Toscana, ha elaborato un documento utile alle imprese, a tutti i soggetti della prevenzione ed ai lavoratori per valutare il rischio conseguente all’esposizione ad alte temperature nei cantieri edili e per adottare conseguenti misure di prevenzione.

La prevenzione nei luoghi di lavoro riveste quindi una grande importanza per ridurre il rischio di danni alla salute dei lavoratori dovuti all’eccessiva esposizione alle alte temperature.

Il documento è suddiviso in tre parti:

– analisi degli effetti del caldo sulla salute umana

– normativa di riferimento sulla sicurezza

– esempi di misure di prevenzione e protezione nel settore edile.

Riassumiamo di seguito alcuni punti essenziali per la prevenzione: la presenza di un termometro e un igrometro in ogni cantiere permette di controllare le temperature e mantenerle nei limiti; organizzare il lavoro in base agli orari con temperature più favorevoli e programmare pause di riposo in luoghi ombreggiati; mettere a disposizione dei lavoratori dispositivi di protezione individuali e indumenti protettivi.

A questo link potete consultare il documento completo.
[/av_textblock]