Decreto Fiscale: le novità per aziende e professionisti

Il Decreto Fiscale collegato alla Manovra 2020 introduce diverse novità di rilievo per i professionisti e le aziende.

All’art 24 prevede l’obbligo di dotarsi di un conto dedicato, sia per le imprese individuali che per i professionisti, tecnici inclusi. La disposizione potrebbe quindi applicarsi anche a chi operi in regime forfaittario. Il conto dedicato dovrà dunque essere utilizzato per prelievi, pagamenti in entrata e in uscita, relativi esclusivamente all’attività esercitata. Al momento la misura esclude dall’obbligo solo le persone fisiche in fase di startup.

L’altra rilevante novità riguarda l’obbligo di accettare pagamenti con carte di credito e di debito, dotandosi quindi di POS. L’obbligo si estende a commercianti e professionisti, e viene accompagnato da meccanismo sanzionatorio in caso di rifiuto. La sanzione nel testo attuale è di 30 euro, cui si aggiunge il 4% del valore della transazione.

Il pagamento in contanti inoltre viene disincentivato ulteriormente, ponendo un tetto massimo di 1000 euro. Per gli importi superiori si dovranno necessariamente usare strumenti tracciabili, ovvero bonifici, carte, assegni

Si potrà pagare in contanti solo per importi entro i 1.000 euro, per importi superiori si dovranno usare le carte, i bonifici, gli assegni (strumenti tracciabili).

Il Decreto dovrà essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale entro 60 giorni, durante i quali sono possibili modifiche al testo proposto.

Il testo di legge non ancora in vigore è consultabile a questo link.