Dati positivi per la formazione all’interno delle aziende

Il sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal, ha analizzato i dati riguardati la formazione all’interno delle aziende, rilevando che sono quasi 366mila le imprese dell’industria e dei servizi con dipendenti, ad aver investito nella formazione del personale nel corso del 2016.

Significa che oltre un’impresa su 4 ha permesso a circa un dipendente su 3 di aggiornare le proprie competenze o acquisirne di nuove partecipando all’attività formativa organizzata.

Le probabilità di essere coinvolti in iniziative formative aumentano per il personale di aziende più grandi: un’azienda con 500 dipendenti ha una probabilità quattro volte superiore rispetto a un’impresa con meno di 10 dipendenti, di fornire formazione al proprio organico.

Il settore industriale è quello che presenta maggiore necessità di aggiornare i propri dipendenti. Nel 2016 l’incidenza delle imprese formatrici si attesta al 32,3% per l’industria ed è pari al 24,3% per i servizi.

Le aziende del Nord Italia investono maggiormente nella formazione del proprio personale (33% al Nord-Est e 29,7% al Nord-Ovest), il Centro raggiunge il 25,4% e il Sud il 21%.

Il 73% delle imprese predispone la formazione per l’aggiornamento del personale, il 13% per l’upgrading e il 14% prevede la formazione per i neoassunti.

I fondi previsti dal Piano nazionale Impresa 4.0 sono un aiuto concreto per le imprese, che in questo modo riescono a rispondere alle esigenze dettate dalla diffusione delle tecnologie digitali aggiornando le competenze e le conoscenze dei propri dipendenti.